L’angolo di Adriano Gasperi

Un luogo dove incontrare amici sparsi per il mondo e condividere parole e passi del Cammino.
Segui i miei passi
Adriano Gasperi è un medico italiano che vive in Spagna dal 2013 e ha scoperto il Camino pochi giorni prima del suo settantesimo compleanno. Erano, quella prima volta, cento chilometri, da Sarria a Santiago, il "minimo sindacale" per garantire la Compostela, ma abbastanza per innamorarsi del Camino con la passione degli scorpioni.
Adriano Gasperi es un médico italiano que vive en España desde 2013 y descubrió el Camino unos días antes de cumplir los setenta. Fueron, esa primera vez, cien kilómetros, desde Sarria hasta Santiago, el “ mínimo sindical” para garantizar la Compostela, pero suficiente para enamorarse del Camino con la pasión de los escorpiones.

Passi lungo il cammino.

Parole e passi, due strumenti che riempiono il tempo di ognuno di noi e lo rendono vita. Comunicare e esplorare, condividere emozioni e scoprire nuovi orizzonti

Nel corso del mio viaggio ho avuto la fortuna di vivere e lavorare a lungo all’estero, vedendo (e talvolta apprendendo) altri costumi e consuetudini.

Poi, con l’arrivo del crepuscolo ho scoperto il Cammino ed è cominciata un’altra storia, Una storia fatta di esperienze ed emozioni, di incontri e di arrivederci, o forse addii.E allora, grazie al mio buon amico Sven, ottima mescola di creta teutonica rimodellato dal calore latino, ho pensato di condividere almeno una parte della grande ricchezza di parole e passi che porto nel mio zaino, con gli amici sparsi un pò in tutto il mondo…
Palabras y pasos, dos herramientas que llenan nuestro tiempo y le dan vida. Comunicar y explorar, compartir emociones y descubrir nuevos horizontes.

A lo largo de mi trayectoria, he tenido la suerte de vivir y trabajar durante mucho tiempo en el extranjero, viendo (y a veces aprendiendo) otras costumbres y hábitos.

Entonces, con la llegada del crepúsculo descubrí el Camino y comenzó otra historia, una historia hecha de experiencias y emociones, de encuentros y despedidas, o tal vez de adioses. Y así, gracias a mi buen amigo Sven, una excelente mezcla de arcilla teutónica remodelada por la calidez latina, se me ocurrió compartir al menos una parte del gran caudal de palabras y pasos que llevo en mi mochila, con amigos dispersos por todo el mundo…

Ultimi inserimenti

SAN SALVADOR CONCLUSIONI
Qualcuno mi chiederà, ma come dalla sorpresa alle conclusioni…e in mezzo? In mezzo ci sono sei giorni speciali…Partiti dall’Albergo delle Benedettine pronto a fermarmi anche dopo pochi chilometri. Se il ginocchio (Gino) avesse dato segni di ribellione avrei mantenuto la promessa fatta ad Anni...
LEGGI / LEER
SAN SALVADOR LA SORPRESA
Una volta ottenuta (rubata?) la autorizzazione a rimettermi in cammino il mio obiettivo non era tanto quello di compiere tutto il Cammino, quanto piuttosto quello di "sorprendere" i miei tre soci che avevano ormai data per certa la mia non partecipazione e di accompagnarli durante la prima tappa. Po...
LEGGI / LEER
SAN SALVADOR PROLOGO
Dopo essermi avvicinato al mondo del Cammino di Santiago sei anni fa, il Cammino del San Salvador (da Leon a Oviedo attraverso la Catena Cantabrica) ha rappresentato un obiettivo di difficile raggiungimento per la difficoltà che incontro su percorsi di montagna...però ritornato il 3 di settembre d...
LEGGI / LEER
PERCHE' OPAVA? ULTIMA
Ultima tappa in scioltezza (a parte il ginocchio...) da Krtiny a Brno - Zidenice, per poi raggiungere in treno Hustopace, il paese da dove è cominciata l'avventura, e rivedere Zaneta e la sua famiglia prima di ripartire per Vienna. Gli ultimi chilometri si snodano, dopo una non troppo impegnativa s...
LEGGI / LEER
PERCHE' OPAVA? NOVE
Penultima tappa da Sloup a Krtiny, e ultimo giorno di cammino con Lenka. Mi sveglio pensando ad un progetto molto probabilmente destinato a infrangersi contro la realtà... Il progetto prevedeva il Cammino del Salvador ( da Leon A Oviedo attraversando la cordigliera Cantabrica...) a partire dal gior...
LEGGI / LEER
PERCHE' OPAVA? OTTO
E dopo la tappa breve e tranquilla ecco, per un'altra delle mie leggi del Cammino ("quando sali sappi che dopo devi scendere) ecco una giornata impegnativa, non solo per la lunghezza, sui 30 km, per le salite e la ripida discesa finale che porta a Sloup, ma anche per ripetuti attraversamenti di torr...
LEGGI / LEER
PERCHE' OPAVA? SETTE
La guida ci dice che solo una quindicina di chilometri separano Namest na Hane da Strazisko. Un tratto breve che scorre lungo il fiume Sumice per una riva frondosa e fresca. Il cammino inizia abbastanza tardi, un pò perché il bar del paese apre alle 9 e un pò perché alle 9 il bar rifiuta [&helli...
LEGGI / LEER
PeRCHE' OPAVA? SEI
Olomouc, per secoli centro amministrativo della Moravia, ormai soppiantata da Brno, è decisamente una città molto interessante dal punto di vista storico e architettonico e Lenka decide di farmi vedere qualche gioiello, come la Cattedrale di San Venceslao ( dove per la prima volta da quando sono i...
LEGGI / LEER
PERCHE' OPAVA? CINQUE
Dormo poco durante la notte che precede la quinta tappa, anche se posso usare dell'alloggio fino a ora migliore ( e lo sarà per il resto del viaggio a parte la ospitalità regalatami dalla famiglia di Zaneta e da Lenka. Da una parte il ginocchio che si fa sentire anche a riposo, un dolore sordo [&h...
LEGGI / LEER
PERCHE' OPAVA? QUATTRO
Con il quarto giorno finisce la prima parte del viaggio. Alla sera Zaneta e Barbara tornano a casa e, dopo aver raggiunto un confortevole BeB a Pohorani mi lasciano con il ginocchio che comincia a dare qualche segno di gonfiore, combattuto da ghiaccio generosamente offerto da ogni bar dove si sia fa...
LEGGI / LEER

Il mio ultimo libro:

LA MAGIA DELLA SOLITUDINE
Il Cammino Primitivo
VEDI TUTTI IL LIBRI

Seguimi su Instagram

Copyright © 2022 paroleinonda.com
A webSITE created with ❤ by SEDUCTIVECOPY
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram