IL VIRUS DELLA PRIVACY

Scritto da Adriano 21/06/2021 Lascia una risposta
Nella società della narrazione, la nostra, una delle frasi più abusate è “A noi sta a cuore la vostra privacy”. Lo dicono tutti, produttori di jogurt o giornali di risonanza nazionale,  blogger e tenutari di pagine, venditori di scarpe agenzie di viaggio…la “difesa della privacy” è diventata lo specchietto delle allodole per consumatori sempre più accecati dalla tecnologia della intromissione, come mi pare si possa definire lo scenario in cui il mondo si sta muovendo…
 Da qualche giorno ho un nuovo telefono, e nel momento stesso in cui ho cominciato ad usarlo Google, e quanti comprano le informazioni da Google, già sapevano tutto di me, così come sanno di miliardi di persone sparse per il globo. E quando cerchi in qualche modo di limitare i danni, ormai ampiamenti causati alla tua “privacy”, il sistema imperterrito ti spinge a genufletterti sempre di più, ad esempio chiedendoti , ad ogni uso del palmare, di autorizzare la ricerca automatica dello stesso, ovviamente nel tuo massimo interesse…
Siamo tutti nudi dinnanzi alla rete. Questa è la realtà che vivamo grazie alla virtualità degli strumenti di chi ha anticipato il futuro  mettendoceli  a disposizione, dapprima gratuitamente e poi a costi minimi o irrisori.
In tema di privacy la rete ha funzionato molto bene. Nel senso di quella dei pescatori. A noi non rimane che sentirci “boccaloni” feli

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Seguimi su Instagram

Copyright © 2021 paroleinonda.com
A webSITE created with ❤ by SEDUCTIVECOPY
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram